placeholder

“Spigolature”

La spigolatura, per chi non lo sapesse, è la facoltà data un tempo ai poveri di raccogliere le spighe disperse nei campi, dopo che il grano era già stato tagliato e raccolto in covoni. Poi, declinata al plurale, è diventata il titolo di una rubrica di aneddoti della Settimana Enigmistica. Ed è appunto alla categoria delle curiosità, dei fatti stravaganti che va ascritta la polemica riportata ieri mattina da riviste e giornali.

placeholder

Art Basel 2021: Quello che stavamo cercando

Si è conclusa con ieri la preview di Art Basel 2021, la più attesa e la più lunga. Dopo due anni, il padiglione più icastico delle Fiere, riapre le sue porte per tre giorni di preview, dal 21 al 23 settembre, e per tre giorni di apertura al pubblico dal 24 settembre al 26.

placeholder

miart 2021, riflessioni sulla ripartenza

Che in questo settembre 2021 Milano avesse scelto come suo vocabolo d’elezione il termine ripartenza è stato evidente fin dai primissimi giorni del mese. In città si è assistito a un tourbillon di vernici, di gente, di eventi, di incontri. E di parziali novità. Vedi la design week riprogrammata in un periodo a lei inusuale e il Salone del Mobile che per l’occasione si è auto celebrato definendosi addirittura Super. Va da sé che non potevano sottrarsi alla grammatica della ripartenza, alla condivisione in presenza dell’arte e della cultura, nemmeno miart e la Milano Art Week che tornano corredate da un ricco calendario di eventi.

placeholder

La passione culinaria

Esibire il sedere sullo sfondo dei luoghi più belli del mondo è diventata una moda anche in Italia. Non sempre, però, come è accaduto questa estate in Sicilia, i posteriori dei performer sono ben graditi.

placeholder

Effetto bagnato

Lo spettacolo deve continuare. E le rassegne più importanti come le Olimpiadi o i monumenti più noti come il Partenone, di recente sottoposto a un discusso adeguamento, ne pagano le spese.

placeholder

La sete

“Ho così tanta sete che è come se dentro la mia bocca ci fosse una città d’estate”, ha detto mio figlio dopo il giro in bicicletta nel cortile di casa con cui abbiamo terminato la giornata. Anch’io ho sete: di arte. E, nell’attesa che i musei rientrino a regime, sono diventato un lettore compulsivo.

placeholder

Il mercato degli NFT è già in crisi?

Solo pochi giorni fa abbiamo assistito ad un evento che era stato definito epocale. Un’opera NFT, letteralmente Non Fungible Token, era stata venduta a circa 70 milioni di dollari ad un’asta di Christie’s che sembrava aver rappresentato una rivoluzione nel mercato dell’arte. Ma lo è stata davvero? Dopo una partenza a razzo, sembra che il mercato delle opere in jpeg stia già andando incontro ad una brusca frenata. La battuta d’arresto degli NFT è certificata dalla diminuzione nel prezzo delle vendite addirittura del 70% rispetto al mese scorso. Quasi come se la strabiliante vendita dell’opera collage di Beeple Everydays—The First 5000 Days all’inizio di marzo fosse un caso isolato. Eppure tutti sembravano entusiasti, o quantomeno interessati, verso questo nuovo fenomeno.