Cartoline di Mare 2019 grafite su carta 13 x 18 cm 2019 graphite on paper 13 x 18 cm 5,11 x 7,08 in Courtesy: the artist and GALLERIA CONTINUA Photo by: Giovanni De Angelis

Serse: Qui tutto è aperto. Fogli d’acqua

Galleria Continua presenta nella sua sede romana la nuova serie di opere di Serse.

Fluide immagini monocrome, alludenti al silente scorrere di correnti marine, invadono le sale dello spazio espositivo romano di Galleria Continua, ubicato all’interno del The St. Regis Rome, proponendo al pubblico la personale Qui tutto è aperto. Fogli d’acqua di Serse.

Soggetto semplice ed affascinante per via della sua essenzialità, l’acqua è da sempre il tema dominante ed ispiratore della pratica pittorica dell’artista veneto. Visibile fino al 13 settembre la nuova mostra di Serse, pittore di adozione triestina (San Paolo del Piave, 1952 – vive e lavora a Trieste), presenta una selezione di opere in cui affronta l’arduo compito di raffigurare quest’elemento transitorio e dinamico in maniera riconoscibile nella forma, nel riflesso e nella direzione. In questi ambienti la serie di lavori inediti di varia grandezza si confronta apertamente con opere meno recenti, ove la sottigliezza e finezza del suo pennello è osservabile in piccole vedute marine come anche nei movimenti ondulati dominanti nei grandi formati. La sua coerente ricerca, imperniata sull’impiego della pura grafite, è rintracciabile in tutta l’esposizione: in ogni disegno tale strumento è l’unico mezzo che costituisce l’opera nella sua assoluta compiutezza escludendo persino il mero ausilio di colori. L’estrema cura con cui la grafite è distribuita sul supporto cartaceo gli permette di dar vita a sfumature riproducenti luci ed ombre col fine di costituire forme che danno luogo all’opera completa e, al contempo, complessa fin tanto da poterla confondere per una stampa fotografica. Il dato fluido, nonostante la sua resa in termini astratti, grazie alla raffigurazione di un dettaglio privilegiato rispetto all’intera ed estesa superficie, convoglia lo spettatore a perdersi tra le onde riprodotte.

Molteplici i riferimenti osservabili in queste opere: Dante, Leonardo, Valery e, non da ultimo, l’affresco e, in particolare, la sinopia realizzata sull’intonaco fresco dai grandi maestri per guidarli nella successiva stesa del colore. In tali lavori è, infatti, visibile un contorno bianco riferibile alla volontaria cancellatura del disegno lasciandone una sua lieve traccia analogamente all’antica tecnica. Ulteriori relazioni, al di là dell’arte figurativa, sono ravvisabili in varie discipline scientifiche come la matematica e la chimica a causa del suo interesse per la trasformazione dei materiali e, in particolare, del carbonio: lo scuro materiale che nel tempo s’impreziosisce divenendo infine un brillante diamante. D’altronde la sua predilezione per la grafite – minerale che rappresenta uno degli stati allotropici del carbonio – non è affatto casuale.

Chiudono il percorso piccolissime ma incantevoli vedute marine ispirate, come da egli stesso ha affermato, dalla raccolta di poesie “Cartoline di mare vecchie e nuove” dello scomparso Nico Orengo (Torino, 1944 – Torino, 2009) edito da Einaudi (1999). In entrambi, pittore e poeta, scorgiamo la dote della grande sensibilità: virtù che gli ha permesso ad ambedue di cogliere la bellezza nascosta nei sapori, nei colori, nei fremiti e nelle ansie della vita marina che contraddistingue il nostro Mediterraneo.

L’osservatore è così immesso in una dimensione altra – costituita da superfici marine, da natura, da paesaggi di montagna, da cieli coperti di nuvole, dagli stagni tranquilli, da frammenti architettonici, da formazioni geometriche – col fine di dissolvere la sua mente verso luoghi apparentemente lontani e sconosciuti.

Serse: Qui tutto è aperto. Fogli d’acqua

fino al 13 settembre 2020

orario: dal martedì al sabato h11:00 – 19:00 su appuntamento

The St. Regis Rome

Via Vittorio E. Orlando 3 – 00185 – Roma

tel: +39 3333870553

email: roma@galleriacontinua.com

website: www.galleriacontinua.com

Maila Buglioni

Storico dell’arte e curatore. Dopo la Laurea Specialistica in Storia dell’arte Contemporanea presso Università La Sapienza di Roma frequenta lo stage di Operatrice Didattica presso il Servizio Educativo del MAXXI. Ha collaborato con Barbara Martusciello all’interno dei Book Corner Arti promossi da Art A Part of Cult(ure); a MEMORIE URBANE Street Art Festival a Gaeta e Terracina nel 2013 e con il progetto Galleria Cinica, Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi (PG). Ha fatto parte del collettivo curatoriale ARTNOISE e del relativo web-magazine. Ha collaborato con varie riviste specializzate del settore artistico. È ideatrice e curatrice del progetto espositivo APPIA ANTICA ART PROJECT. È Capo Redattore di Segnonline, coordinando l'attività dei collaboratori per la stesura e l’organizzazione degli articoli, oltre che referente per la selezione delle news, delle inaugurazioni e degli eventi d’arte. Mail maila@segnonline.it; maila@rivistasegno.eu