John Stezaker, Fondazione Morra Greco © Danilo Donzelli Photography

John Stezaker alla Fondazione Morra Greco di Napoli

A Napoli, la Fondazione Morra Greco ospita la mostra personale dell’artista John Stezaker, in un percorso espositivo che ripercorre la sua carriera dagli anni Settanta ad oggi, attraverso più di ottanta opere.

L’artista inglese John Stezaker porta a Napoli una mostra pensata durante il lockdown, in cui le sue immagini trovate in libri, riviste e cartoline usate come readymade per la creazione di collage e tele, si dispongono sui cinque livelli di Palazzo Caracciolo di Avellino.

Si parte dal seminterrato, dove viene proiettato uno dei primi film loop di John Stezaker, su cui interviene in modo inedito per la mostra. La scelta del basement non è casuale, il cinquecentesco palazzo cela antiche fondamenta greco-romane, reperti da proteggere e per questo, nel tempo, impedimento all’urbanizzazione della città. L’interruzione e l’abbandono divengono per l’artista una metafora della sua poetica ma anche pretesto per ambientare i suoi famosi collage atemporali. Questi lavori d’assemblaggio si trovano all’ultimo piano del palazzo dove sono allestite le serie Star e Dis-Astro del 2017-18 e Double Shadow del 2019-21.

Partendo da figure reali l’artista agisce sulle immagini per estraniarle dal loro contesto spazio temporale, modificandone il contenuto, usandole come mezzo per comunicare i propri significati. Il punto di vista viene deviato, un volto fa da sfondo ad un paesaggio, una fisionomia diviene cornice per architetture di interni, creando curiosità ma anche fastidio nella fruizione di soggetti familiari dissociati da come si presentano nel nostro immaginario collettivo.

In questo caso, come si può intuire dai titoli, John Stezaker utilizza rimandi all’universo e alle sue stelle, dove profili di star del cinema vengono inseriti in scenari surreali ed inquietanti per un parallelismo con gli astri del cielo.

Il percorso espositivo prosegue sui piani mediani attraverso opere di grandi dimensioni, serigrafie su tela in cui le silhouette dei soggetti sono ritagliate ed al loro posto resta una campitura di colore nero, un’ombra, il ricordo di personaggi inseriti in contesti riconoscibili o in fondali confusi.

L’allestimento si arricchisce di mani di manichini degli anni Trenta e Quaranta ed opere librarie come Metamorphosis and Observatory per una visione totale della pratica di giustapposizione ed estraneazione dei soggetti che documentano la realtà e la cultura moderna, per portarci su nuovi livelli di grottesca interpretazione surrealista.

JOHN STEZAKER

26112021 \\ 05032022

Fondazione Morra Greco
Palazzo Caracciolo di Avellino
Largo Proprio di Avellino
80138 Napoli, Italia

T. + 39 081 19349740
E. info@fondazionemorragreco.com

L’ingresso alle mostre è sempre gratuito