Umberto Bignardi

Ricordo di Umberto Bignardi

Riceviamo da Fabio Sargentini e, molto volentieri, pubblichiamo.

Guardate bene questa foto. 

Si riferisce alla primavera del 1968, è un’immagine di noi quattro: da sinistra Eliseo Mattiacci e poi Umberto Bignardi, il sottoscritto e Pino Pascali.

Siamo nel parco del Museo di Wiesbaden, in occasione della mostra che io organizzai con i giovani artisti de L’Attico. Non erano mai usciti da Roma e quello era pur sempre un Museo internazionale. Infatti siamo su di giri, pimpanti trentenni.

Ebbene, guardando la foto constato di essere l’unico vivente dei quattro. Umberto era un magnifico disegnatore colorista. Conservo ancora dei suoi disegni ispirati a Muybridge. 

Stasera li riguarderò, tra gioia e mestizia.