The West Bund Museum in Shanghai. Courtesy of the Centre Pompidou, Paris.

Centre Pompidou Shanghai

Dopo più di un decennio di pianificazione di un’espansione in Cina, il Centre Pompidou di Parigi ha aperto una filiale del museo di arte moderna e contemporanea a Shanghai venerdì 8 novembre. L’istituzione ha inaugurato la sua nuova sede, chiamata Centre Pompidou x West Bund Museum Project, progettata da David Chipperfield, e situata lungo un nuovo corridoio culturale di sette miglia sulle rive del fiume Huangpu.

Secondo il New York Times, il Pompidou definisce il progetto — una collaborazione con il centro di sviluppo statale cinese West Bund Group — il “più grande scambio culturale di sempre” tra Francia e Cina. Mentre i due paesi hanno concordato un contratto di cinque anni, saranno in grado di estendere il partenariato solo dopo cinque anni. Fino ad allora, i curatori del Pompidou si ritireranno dalla collezione del museo per organizzare tre spettacoli semi-permanenti all’anno per l’avamposto e svilupperanno una programmazione correlata come proiezioni, spettacoli e conferenze. Oltre a coprire i costi operativi, il West Bund Group pagherà al Pompidou circa 2,75 milioni di euro ogni anno.

La sua mostra inaugurale, The Shape of Time, che include un centinaio di opere di proprietà del Pompidou, tra cui pezzi di Vasily Kandinsky, Pablo Picasso e Zhang Huan, ha dovuto escludere però opere che non hanno superato i censori cinesi. Serge Lasvignes, presidente del Pompidou, ha confermato che al museo è stato chiesto di sostituire quattro opere per “varie” ragioni “non solo politiche”.

“Il processo di autorizzazione e approvazione può sembrare complesso ma sappiamo come adattarci”, ha dichiarato Lasvignes in una nota. “In definitiva, serviamo meglio la democrazia ignorando la Cina, o essendo lì, stringendo legami, fornendo accesso alla cultura occidentale e parlando con partner, artisti e visitatori?” Ha aggiunto: “Siamo determinati a lavorare insieme, trovando un terreno comune e giungere ad un accordo su scelte che hanno senso per entrambe le parti. “