Lisa e Antonio Tucci Russo. Courtesy TUCCI RUSSO Studio per l’Arte Contemporanea, Torre Pellice / Torino. Foto: Archivio fotografico TUCCI RUSSO, Torre Pellice / Torino

Addio a Antonio Tucci Russo

Scompare, a 79 anni, il gallerista Tucci Russo. Il ricordo della redazione della rivista Segno.

Si spegne all’età di 79 anni uno dei punti cardine dell’arte contemporanea italiana e, nello specifico, torinese.
Tucci Russo fondò l’omonima galleria nel 1975 a Torino, dove ebbe modo di seguire sin dagli esordi gli artisti dell’Arte Povera, primo fra tutti Pier Paolo Calzolari, che inaugurò lo spazio.
Dal 1994, trasferì la sua attività a Torre Pellice, poco fuori il capoluogo torinese, dove gli artisti ebbero altresì l’occasione di trascorrere del tempo e creare un legame vero e proprio con il luogo.
Oltre alla scena italiana degli anni Settanta, Tucci Russo guardò ad artisti come Daniel Buren, Tony Cragg, Lili Dujourie, Harald Klingelhöller, Richard Long, Maria Nordman, Alfredo Pirri, Thomas Schütte e Jan Vercruysse, dimostrando un’apertura mentale e una disponibilità a rimanere sempre aggiornato. Tutto questo grazie anche alla sua fedele compagna di una vita, Lisa, che lo accompagnò in tutti questi anni pregni di arte.
Il suo “Studio per l’arte contemporanea” rimarrà sempre un’importante pietra miliare.