Segno 278

Il numero 278, ottobre-novembre 2020, della rivista segno è in distribuzione.

Torna nella sua versione classica la rivista Segno su carta, in copertina c’è Edgardo Mannucci protagonista della collettiva Ferro e fuoco alla Galleria Spazia di Bologna. Nella sezione riservata ai musei, Maila Buglioni e Roberto Sala intervistano Bartolomeo Pietromarchi per il MAXXI a L’Aquila, il Prof. Mattoscio a Pescara dove arriva il Nuovo Museo d’arte contemporanea, Marina Missim, presidente della Fondazione Elpis, per Una boccata d’arte in 20 borghi italiani, e Mario Pieroni che ci racconta No Man’s Land. Giulia Perugini invece ci racconta, attraverso le interviste ai protagonisti, Buonanotte contemporanea un progetto curato da Maria Letizia Paiato con Jasmine Pignatelli, Vincenzo Marsiglia e Artan Shalsi.

Nel numero 278 scopriamo anche come sarà la Quadriennale d’arte 2020 a Palazzo Esposizioni di Roma, le Nuove acquisizioni opere del MAXXI Roma, i Palazzi dell’Arte a Rimini e il programma di Arte Cinema a Napoli che giunge alla venticinquesima edizione.

Tante le recensioni dei nostri collaboratori: Arte contemporanea a Villa Borghese, Roma – Un nuovo triennio al MACRO, Roma – Sinfonia Napoli 2020 di Hermann Nitsch Museo Nitsch, Napoli – La via dei canti. Uccelli Bosco di Paliano – Rilevamenti 2 Camusac Cassino – Premio Michetti Museo Michetti, Francavilla al Mare – Senza confine Palazzo de Majo, Chieti – Mostre Castelbasso Cultura Fondazione Menegaz, Castelbasso – Mario Airò Studio Airò, Milano – Andrea Galvani Mattatoio Padiglione 9b, Roma – Shepard Fairey GAM Roma – Sten Lex GAM Roma – Corinne Gosmaro Gallery Apart, Roma – Pistoletto / Varotsos Galleria Persano, Torino – Paolo Ventura Camera, Torino – Gregorio Botta Galleria Peola/Simondi, Torino – Alessandro Bulgini Quartiere Barriera, Torino – Robert Capa Palazzo Chiablese, Torino – Martha Tuttle Luce Gallery, Torino – Sam Falls Galleria Noero, Torino – Jonathan Monk Galleria Mangione, Torino – Loom Gallery, Milano – Francesco Candeloro A Arte Invernizzi, Milano – Pizzi Cannella Studio Cannaviello, Milano – Luisa Raffaelli Febo & Dafne, Torino – Eileen Quinlan Vistamarestudio, Milano – JR, Buren, Pistoletto Galleria Continua, San Gimignano – William Kentridge Lia Rumma, Milano – Yeah You Localedue, Bologna – Pittori fantastici Palazzo Massari, Ferrara – Marco Ceroni, Galleriapiù – Nino Migliori Ex Chiesa di San Mattia, Bologna – Glances|Sguardi Galleria L’Ariete, Bologna – Ferro e Fuoco Galleria Spazia, Bologna – Giuseppe Niccoli, storia di una galleria APE Museo, Parma – Cioni Carpi Complesso Monumentale di San Micheletto, Lucca – Errante 4a edizione Festival di Ferrara – Franco Vimercati Galleria Cortese, Milano – Sandro Mele AlbumArte, Roma – Oscar Piattella Centro Museale Pescheria, Pesaro – Paolo Scirpa, Variazioni d’infinito – Daniele Papuli Fondazione Stucchi, Maglie – Massimo Ruiu Gigi Rigliaco, Galatina – Tarshito Museo Nuova Era, Bari – Antonio Ievolella Certosa San Giacomo, Capri – Ryan Mendoza Palazzo Reale, Napoli – La casa dell’angelo Eremo Spirito Santo, Capriglia (Sa) – Manuela Bedeschi Antiche Porte di Todi – Straperetana 2020 Pereto (Aq) – Quaranta anni di Plurima Galleria Regionale, Gradisca d’Isonzo – Francesca Tulli Giardini Comunali, Latina – Lello Lopez Shazar Gallery, Napoli – Medialismi 2.0 Rassegna d’Arte Corciano.

Per la sezione Arte e letteratura Paolo Balmas ci racconta Tre modi di fare critica: il ricordo di Calvesi, Celant, Daverio. Chiudiamo con i Libri e cataloghi.

Puoi comprare il numero 278 online senza spese di spedizione

Roberto Sala

Editore, graphic designer e fotografo d’arte, dal 2012 è docente di Grafica editoriale presso l'Accademia di Brera nel corso di laurea specialistica di Teorie e pratiche della terapeutica artistica. Direttore della casa editrice Sala Editori specializzata in pubblicazioni d’arte e architettura, affianca alla professione di editore quella di grafico, seguendo in tempi recenti l’immagine coordinata delle più importanti manifestazioni culturali della città di Pescara fra le quali si segnalano: Funambolika e Pescara Jazz. Dal 1992 è Art Director della Rivista Segno per la quale dal 1976 ha ricoperto diversi ruoli e incarichi. Dal 2019 è Direttore Editoriale di Segnonline per il quale traccia la linea politica e di sviluppo del periodico. roberto@segnonline.it