Matei Vladimir

Matei Vladimir intervistato da Lorenzo Kamerlengo per The Hermit Purple, Luoghi remoti e arte contemporanea su Segnonline.

Parlami di un tuo maestro, o di una persona che è stata importante per la
tua crescita.

Una persona che e stata importante per il mio sviluppo come artista e il mio insegnante di scultura Gianni Caravaggio. Anche se non siamo necessariamente d’accordo su tutto ciò di cui discutiamo, credo che mi abbia “aperto gli occhi”. Ho studiato con lui già da quattro anni e ho osservato in tempo il suo metodo di insegnamento, che considero il modo migliore per interagire con gli studenti, È una persona che rispetto anche come artista, essendo ovviamente un’influenza per me nel primo anno. Col tempo mi sono allontanato dalle sue tematiche o metodi, ma il suo modo di pensare alle opere è ancora importante per me.

Quali sono secondo te il tuo lavoro/mostra migliore ed il tuo lavoro/
mostra peggiore? E perché?

Penso che il mio peggior lavoro sia qualsiasi dipinto del mio primo anno. Non sono in grado di identificarne uno specifico perché erano tutti orribili. Dato che venivo dalla Romania, dove esiste una prospettiva molto vecchia e conservatrice sulle arti imposte dal regime comunista (particolarmente negli studi artistici), le prospettive erano per lo più tecniche. La mia migliore mostra è stata “Erase to make a mark” in 2019,una mostra collettiva a cura di Alessandro Laita and Chiaralice Rizzi. Scelgo questo progetto non solo per il modo in cui i curatori hanno lavorato con noi, ma anche per il processo generale di creazione e il processo decisionale. In pratica siamo rimasti più nella galleria che nelle nostre case e mi piace molto questo tipo di folle dedizione. Oltre a questo cliché di mettersi in condizioni difficili per creare la tua arte (principalmente creata da Giorgio che ha lavorato con la fottuta polvere..), lo stato di abbandonarti nella tua ricerca è la cosa che dà il megliore, il più onesto e fresco risultato.

Se ti ritrovassi su un’isola deserta, proseguiresti la tua ricerca artistica?
Se sì, in che modo?

(Dopo aver trovato il cibo, un rifugio e un modo per coltivare il tabbacco.) Probabilmente penserei un po ‘di land art, che è l’ozzione più ovvia… anche nella speranza che qualcuno lo veda e mi salvi. Vorrei provare a realizzare alcuni strumenti e materiali. Alcuni colori dalle piante, alcuni strumenti dalle rocce (per scolpire forse in legno e per cacciare). Certamente farei un pezzo d’altare per una divinità pagana. Dipende anche dall’isola. Caraibe? Vorrei fare una nuova bienalle. Mare del Nord? Probabilmente morto, ma forse bruciarmi per fare una performance / sacrificio.

In che modo sta influendo l’isolamento di questo periodo su di te?

me ne può fregare di meno dell’isolamento. In genere mi piace stare a casa per lavorare e studiare. Ci sono alcune attività che mi piacciono fuori casa ma non ci penso in questi giorni.Cerco di creare, cerco di non cambiare il modo in cui vivo normalmente.. Il confinamento è una buona opportunità per qualsiasi persona di avere una sincera introspezione (se si tratta di volontarietà, ma date le circostanze, l’altra opzione non è poi così attraente).Penso che la cosa più importante sia stare calmi ed essere pazienti, magari leggere un po ‘di Camus (non “La peste”, Facebook è già pieno di citazioni, siamo apposto grazzie) per ricordare che questa cosa non riguarda i tuoi bisogni e le tue speranze personali, ma tutti noi e quello a volte le cose accadono e basta, senza un significato più complesso.