MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro: le mostre del 2020

Il MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro ha annunciato la programmazione delle mostre 2020: Kiluanji Kia Henda
Something Happened on the Way to Heaven; Il regno segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale e Lisetta Carmi.

Kiluanji Kia Henda
Something Happened on the Way to Heaven
a cura di Luigi Fassi 
Da venerdì 31 gennaio a domenica 1 marzo 2020

Il MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro presenta, da venerdì 31 gennaio a domenica 1 marzo 2020, la prima grande mostra personale in un museo europeo dedicata a Kiluanji Kia Henda (Luanda, Angola, 1979), uno dei più significativi artisti e attivisti di origine africana nello scenario dell’arte contemporanea.
Something Happened on the Way to Heaven è una mostra curata da Luigi Fassi, direttore del MAN, prodotta ad hoc per il museo di Nuoro che in collaborazione con la Fondazione Sardegna Film Commission ha invitato l’artista a soggiornare sull’isola e a offrire il proprio sguardo estetico sulla Sardegna. Il progetto ripropone una modalità di invito-residenza già attivato lo scorso anno con l’artista franco-ivoriano François-Xavier Gbré e prosegue una linea di ricerca avviata dal MAN sulla scena artistica africana contemporanea.
Something Happened on the Way to Heaven presenta una serie di opere scultoree e installative realizzate ex-novo da Kiluanji Kia Henda durante il soggiorno sull’isola, accanto a lavori fotografici precedentemente prodotti. Nelle opere di nuova produzione le bellezze paesaggistiche della terra sarda si fondono con le tracce architettoniche della Guerra Fredda e delle basi militari ancora presenti sull’isola. 
Il progetto espositivo sarà poi presentato dal MAN all’interno degli spazi espositivi della Galerias Municipais di Lisbona nel mese di ottobre 2020.

Il regno segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale
a cura di Luca Scarlini

Da venerdì 13 marzo a domenica 14 giugno 2020

Il MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro presenta da venerdì 13 marzo a domenica 14 giugno 2020 un inedito progetto espositivo che offre un’ampia e articolata indagine storiografica e culturale sulla relazione tra Sardegna e Piemonte lungo i 230 anni che corrono tra il 1720 e gli anni Cinquanta del Novecento.
Narrata attraverso il lavoro di artisti, musicisti e intellettuali che vi hanno vissuto, la mostra Il regno segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale, a cura di Luca Scarlini, testimonia l’osmosi culturale tra i due territori raccogliendo una varietà di opere d’arte e materiali quali illustrazioni, ceramiche, fotografie, stampe e spartiti musicali, provenienti da prestigiose istituzioni italiane.
La mostra presenta un film d’animazione prodotto da Fondazione Film Commission Sardegna in collaborazione con il MAN. Accompagna la mostra un ampio catalogo monografico edito da Ilisso che raccoglie saggi inediti appositamente commissionati a importanti autori e scrittori, tra i quali Marcello Fois, scrittore, commediografo e sceneggiatore di origini sarde, e Gianni Farinetti, giallista, sceneggiatore e regista piemontese.

Lisetta Carmi
a cura di Luigi Fassi
Da venerdì 26 giugno a domenica 25 ottobre 2020

Il MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro presenta da venerdì 26 giugno a domenica 25 ottobre 2020 una grande antologica dedicata a Lisetta Carmi (Genova, 1924), una delle più significative protagoniste della fotografia italiana del secondo dopoguerra.
La mostra, a cura di Luigi Fassi, si inserisce nell’ambito della ricerca condotta dal MAN sulla relazione tra i grandi fotografi italiani e la Sardegna, un dialogo estetico che vede nella retrospettiva dell’anno scorso sull’opera del fotografo Guido Guidi il suo precedente interlocutore.
La rassegna porta alla luce un capitolo largamente inedito della fotografia di Lisetta Carmi, quello dedicato alla Sardegna, riunendo centinaia di scatti in bianco e nero realizzati tra il 1962 e il 1976 durante numerosi e ripetuti soggiorni in Sardegna.
Completa il percorso espositivo una serie inedita di diapositive a colori che ritraggono i paesaggi della Sardegna dell’interno, tra boschi, fiumi e laghi colti nella loro dimensione più arcana ed evocativa.
La mostra è accompagnata da un ampio catalogo monografico edito da Marsilio e corredato da molteplici saggi critici.