Luca Lo Pinto nuovo direttore del MACRO di Roma

Dopo mesi di attesa, arriva la nomina del nuovo direttore del MACRO di Roma: sarà Luca Lo Pinto. Il suo “Museo per l’immaginazione preventiva” , secondo la commissione, sarà in grado di contribuire a “una ancora maggior coinvolgimento di pubblici diversificati e contemporaneamente assicurare un alto livello di qualità dell’offerta“.

Dopo appena un anno di direzione si conclude l’incarico di De Finis ed del suo sperimentale MACRO ASILO, lanciato solo lo scorso ottobre, per via del bando pubblico indetto dal Comune di Roma lo scorso luglio. Tanti i requisiti richiesti per diventare un direttore di Museo di arte contemporanea del XXI secolo nella capitale. Oltre alla possibilità di presentarsi sia singolarmente sia in “più persone fisiche in collaborazione fra loro” erano richieste: una decennale e comprovata esperienza nel settore della curatela di mostre di arte contemporanea e/o organizzazione di attività culturali, di cui 3 anni di comprovata esperienza come direttore o curatore responsabile delle attività culturali di musei, fondazioni e altre istituzioni o organizzazioni nell’ambito della programmazione culturale e artistica di arte contemporanea. Oltretutto il candidato doveva presentare anche il suo progetto culturale elaborato sulla base di un budget destinato per il MACRO di euro ben 400 mila annui per garantire la sua valorizzazione, promozione e fruizione.

Classe 1981, Luca Lo Pinto attualmente è curatore della Kunsthalle di Vienna e cofondatore della rivista e casa editrice NERO. Molteplici le mostre curate, sia in Italia sia all’estero, e di livello internazionale tra cui la XVI Quadriennale d’Arte (Palazzo delle Esposizioni); Le Regole del gioco (Fondazione Achille Castiglioni); Trapped in the Closet (Carnegie Library/FRAC Champagne Ardenne); Antigrazioso (Palais de Toyko); Luigi Ontani-AnderSennoSogno (Museo H.C. Andersen); D’apre’s Giorgio (Fondazione Giorgio e Isa de Chirico). Inoltre, molti suoi scritti sono pubblicati su cataloghi e riviste internazionali.