Pascale Marthine Tayou 'Plastic Tree' 2014/2015, rami, sacchetti di plastica, dimensioni variabili. Art Basel Unlimited, 2015. Photo: Andrea Rossetti

Gallery Climate Coalition Italia | 26 gennaio 2022

Galleria Continua annuncia la formazione di GCC Italia – Gallery Climate Coalition Italia -, un nuovo capitolo della charity internazionale che svilupperà una piattaforma dedicata alla condivisione di informazioni e risorse di carattere ambientale per le imprese e i professionisti dell’arte in Italia. Il gruppo ha emesso un invito aperto ai volontari per unirsi all’iniziativa, con un evento introduttivo che si terrà via zoom il 26 gennaio 2022 alle 18:00.
L’intenzione di questo incontro è di condividere i dettagli sulla coalizione e i suoi obiettivi e, soprattutto, di reclutare collaboratori dedicati e motivati che rappresentino uno spaccato del settore artistico italiano.

Il GCC Italia è nato da diversi mesi di discussioni con persone che condividono la passione per il lavoro ambientale e che operano nella comunità dell’arte contemporanea italiana. Con volontari da Milano, Firenze, Roma e Napoli questo sarebbe il primo comitato GCC coordinato a livello nazionale.

Il comitato fondatore di GCC ITALIA è composto da:
Giacomo Nicolodi – Cardi Gallery
Chiara Adducchio – Cardi Gallery
Gea Politi – Flash Art
Ludovica Zaccardi – Flash Art
Manuela Cuccuru – Gagosian
Charlotte Urgese – Galleria Continua
Camilla Magnani – Galleria Continua
Chiara Repetto – kaufmann repetto
Enrica Passalacqua – kaufmann repetto
Nicola Ricciardi – Miart
Anna Bergamasco – Miart
Arturo Galansino – Fondazione Palazzo Strozzi
Linda Pacifici – Fondazione Palazzo Strozzi
Fiorella Nicosia – Fondazione Palazzo Strozzi
Federica Sheehan – Thomas Dane Gallery
Camilla Bove – Thomas Dane Gallery
Tiziana di Caro – Tiziana di Caro
Fabiola Cangiano – Tiziana di Caro

Informazioni su Gallery Climate Coalition

La Gallery Climate Coalition (GCC) è un’organizzazione benefica e fondata da un gruppo di galleristi e professionisti che lavorano nel settore delle arti commerciali nel tentativo di sviluppare una risposta significativa e specifica dell’industria alla crescente crisi climatica. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di facilitare un mondo dell’arte più verde e sostenibile e di ridurre l’impronta di carbonio del settore del 50% entro il 2030 in linea con l’accordo di Parigi. Questo obiettivo sarà raggiunto fornendo ai membri linee guida specifiche per il settore e strumenti pratici tra cui un calcolatore di carbonio per misurare le emissioni.

Registrati qui