Luca Vitone, Romanistan, 2019. Fotografia digitale. Courtesy l’artista, Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Italian Council 2018

Luogo

Centro Pecci
Viale della Repubblica 277 – Prato

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana

Data

Nov 07 2019 - Mar 15 2020
Evento passato

Ora

18:30 - 20:00

LUCA VITONE. ROMANISTAN

Giovedì 7 novembre il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci presenta Romanistan, mostra personale di Luca Vitone, a cura di Cristiana Perrella e Elena Magini.
Romanistan, progetto vincitore della quarta edizione dell’Italian Council (2018), è il racconto del viaggio compiuto da Luca Vitone (Genova, 1964) per ripercorrere a ritroso, da Bologna a Chandigarh, il cammino di Rom e Sinti dall’India nord occidentale fino all’Italia. Sulle tracce di una migrazione avvenuta tra l’VIII e il XIV secolo, l’artista approfondisce un interesse, quello per la cultura romaní, che è stato presente nel suo lavoro fin dagli anni Novanta. La sua prima mostra legata al tema, Der unmestimmte Ort (Il luogo imprecisato), tenutasi nel 1994 alla Galleria Christian Nagel di Colonia incollaborazione con la comunità Rom della città, costruiva situazioni d’incontro che davano vita a relazioni vitali e condivise tra diversi gruppi sociali.
Il racconto dell’itinerario migratorio Rom e del nomadismo, dell’emarginazione e segregazione subita nei secoli, diviene strumento per una riflessione più ampia sull’idea di luogo e viaggio, di comunità, di tradizione, del perpetuarsi di cliché e stigma sociali. Il titolo Romanistan deriva dalle parole di Manush Romanov, rappresentante Rom proveniente dalla Bulgaria, il quale immaginò la possibilità di dar vita ad un paese Rom. Per Vitone invece il popolo Rom, grazie al suo vivere senza patria, senza esercito e senza confini, rappresenta un ideale moderno e transnazionale di popolo, che assume quasi una possibilità precorritrice, anche alla luce anche delle attuali migrazioni di massa che stanno sconvolgendo gli equilibri socio-politici del pianeta. Il viaggio alla base del progetto di Romanistan, durato sei settimane, ha preso avvio dalla città di Bologna, dove per la prima volta nel 1422 la presenza di persone Rom è stata ufficialmente documentata, e si è concluso nella città di Chandigarh in India, passando per Slovenia, Croazia, Serbia, Romania, Bulgaria, Macedonia, Grecia, Turchia, Georgia, Armenia, Iran, Pakistan. A distanza di 25 anni dalla seminale mostra presso la galleria tedesca e a 42 anni da un viaggio compiuto con i genitori in macchina da Genova al Golfo Persico, Luca Vitone compie un tragitto epico e grandioso in cui ancora una volta memorie personali si connettono alla Storia. Il viaggio di ritorno alle origini del popolo Rom è di fatto rappresentato con lo sguardo esterno di chi non ne condivide cultura e tradizioni, ma allo stesso tempo con la volontà di non raccontare gli stereotipi di marginalità e povertà a cui i Rom sono comunemente associati, concentrandosi sulla rappresentazione della borghesia intellettuale attraverso l’incontro con personalità della politica, attivisti sociali, accademici. Romanistan è un progetto multiforme composto da un film, una serie fotografica e un libro d’artista, originatosi a
partire da un canovaccio di viaggio aperto alla casualità delle esperienze e degli incontri. Il percorso in mostra ne restituisce il carattere stratificato e nutrito di rimandi, attraverso la connessione di lavori specificatamente pensati per l’occasione assieme a lavori storici nella produzione dell’artista. La pratica di Luca Vitone (Genova, 1964), iniziata nella seconda metà degli anni Ottanta, si concentra sull’idea di luogo, che nella riflessione dell’artista assume un significato rinnovato, dove la memoria personale si lega alla storia collettiva e le convenzioni territoriali, culturali e politiche postmoderne si perdono. Lo spazio per Vitone è uno spazio sociale e comunitario, che viene indagato attraverso il video, l’installazione, la fotografia, il suono e la performance. La sua esplorazione si muove su territori che da fisici divengono mentali: mappe e cartografie, centrali nella produzione dell’artista, perdono il loro valore topologico, evidenziando il mancato rapporto dell’uomo contemporaneo con il proprio ambiente, ma allo stesso tempo si caricano di una maggiore complessità, frutto di una costante rielaborazione tra memorie private, tradizioni sociali, esperienze spazio- temporali. Il lavoro di Vitone si è concentrato negli anni sul concetto di nomadismo e sull’identità delle minoranze etniche mediante un’analisi delle sue produzioni culturali affrontate in senso ampio e sfaccettato, dall’arte alla cartografia, dall’architettura alla musica e al cibo, questi ultimi intesi come elementi della cultura materiale che meglio invitano alla conoscenza tra persone di culture diverse. Il materiale raccolto durante il viaggio è confluito nel libro Romanistan, edito da Humboldt Books, una sorta di atlante e diario di bordo con testimonianze, materiali visivi e documentaristici dell’itinerario percorso, e completato dai testi di Daniele Caspar, Cristiana Perrella e Luca Vitone.

opening: giovedì 7 novembre ore 18.30
preview stampa: giovedì 7 novembre ore 12.00

08.11.2019 – 15.03.2020

Giovedì 14 novembre alle ore 22.00 il film sarà presentato in anteprima e con la presenza dell’artista a Lo Schermo dell’Arte Film Festival (Firenze). Seguiranno proiezioni al Centre D’Art Contemporain (Ginevra), Istituto Italiano di Cultura (Londra), Istituto Italiano di Cultura (San Paolo), Magazzino Italian Art (New York), MAXXI (Roma), n.b.k. (Berlino), Weserburg Museum für Moderne Kunst (Brema).

Romanistan di Luca Vitone è un progetto promosso dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, vincitore della IV edizione del bando Italian Council (2018), concorso ideato dalla Direzione Generale Creatività contemporanea e Rigenerazione urbana del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo.

Luca Vitone (Genova, 1964)
Vive e lavora tra Milano e Berlino. Dal 2006 è docente presso la Nuova Accademia di Belle Arti a Milano. Il lavoro di Luca Vitone è stato esposto in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero, tra cui: Openspace, Milano, (1998); Accademia di Francia, Villa Medici, Roma, OK Centrum, Linz, (mostra personale) (1999); PS1, New York (mostra personale); Palazzo delle Esposizioni, Roma (mostra personale); Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato; PAC, Milano (2000); Casino Luxemburg, Lussemburgo; Lenbachaus Kunstbau, Monaco (2001); National Centre for Contemporary Arts, Mosca (2002); MAMCO, Ginevra; 2nd Bienal de Valencia, Valencia; 50th Venice Biennal, Venezia; ARC Musée d’Arte Moderne de la Ville de Paris, Parigi (2003); Villa Arson, Nizza (2004). Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma (2005); PAC, Milano; Casino Luxemburg Lussemburgo (mostra personale) (2006); MART, Rovereto (mostra personale); 8th Sharjah Biennial; OK Centrum, Linz (mostra personale) (2007); Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo, (mostra personale); XIII Biennale Internazionale di Scultura di Carrara; Museion, Bolzano (2008); Nomas Foundation, Roma, (mostra personale); Museo Riso, Palermo; 4th Tirana Biennial (2009); MART, Rovereto; MAXXI, Roma (2010); Schirn Kunsthalle, Francoforte; MMOMA, Mosca; CAPC, Bordeaux (2011); NGBK, Berlino, Fondazione Brodbeck, Catania (mostra personale); Museion, Bolzano (mostra personale); 1st Montevideo Biennial; (2012) Italian Pavillon and IILA Pavillion at 55th Biennale di Venezia; MART, Rovereto (2013); BOZAR, Bruxelles; Neuer Berliner Kunstverein, Berlino (mostra personale) (2014); Triennale di Milano (2015) P.A.C., Milano (mostra personale) (2017); Fondazione Zimei, Montesilvano (PE) (mostra personale); Jewish Museum and Tolerance Center, Mosca (2018).

Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci
Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana
Viale della Repubblica 277 – Prato
Orari d’apertura: tutti i giorni 10-20, venerdì e sabato 10-23, lunedì chiuso
www.centropecci.it

X