L'opera d'arte nell'opera d'arte, Palazzo Lucarini. Courtesy Mara Predicatori

“L’opera d’arte nell’opera d’arte “

A Palazzo Lucarini Contemporary una mostra d’architettura che invita a riflettere su canoni dell’arte teorizzati in ambito rinascimentale.

Al Centro per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi (Perugia) ha inaugurato L’opera d’arte nell’opera d’arte, una mostra collettiva di architettura contemporanea a cura di Franco Purini ed Enrico Ansaloni.

Un’esposizione di ampio respiro ideata con l’obiettivo di dar vita ad un confronto aperto tra differenti discipline artistiche ovvero tra le arti figurative e l’arte del costruire. Fulcro dell’esposizione è la tesi dell’aequa potestà, teorizzata Giorgio Vasari e ripresa successivamente da Federico Zuccari, in cui si affermava il pari valore della pittura, della scultura e dell’architettura. Concezione, questa, oggi per lo più ignorata ma che “deve essere ripresa per essere riformulata nei suoi termini concettuali e operativi“, come affermano i curatori del progetto, perché il contesto attuale è profondamente diverso da quello in cui questa teoria fu formulata. Riproporre nel XXI secolo la relazione tra arte visiva e arte architettonica è fondamentale poiché aiuterebbe a ricostruire un’unità superiore dei linguaggi “secondo l’idea che è la forma l’entità quasi impossibile da definire ma fortemente presente nell’immaginario, un’entità che conferisce all’esistenza il suo senso più profondo e le finalità primarie che la ispirano.”

Gli architetti invitati, appartenenti a varie generazioni (da quella dei protagonisti degli ultimi anni cinquanta ad alcuni più giovani), hanno scelto un’opera – un quadro, una scultura, un video o un’installazione – attorno alla quale pensare un involucro che creasse una tensione dinamica con essa. La volontà di mettere più generazioni in aperto confronto nasce col fine di proporre un ampio arco di risposte che consentirà di comprendere anche i processi evolutivi dell’architettura italiana nel XX Secolo e all’inizio del XXI. Infine, ciascun partecipante ha realizzato un breve video per illustrare dinamicamente l’esterno e l’interno dello spazio espositivo dando luogo ad un interessante dialogo tra opera ed il contenitore che la ospita.

Gli artisti partecipanti alla mostra sono: Enrico Ansaloni-Patrizia Pescarolo, Carmelo Baglivo, Emilio Battisti, Renato Capozzi-Federica Visconti, Orazio Carpenzano, Fabrizio Ciappina, Giangiacomo D’Ardia, Lorenzo Degli Esposti, Andrea Dragoni, Fabio Fabiani, Alberto Ferlenga, Massimo Ferrari-Claudia Tinazzi, Luca Galofaro, Cherubino Gambardella, Paola Iacucci, Ugo La Pietra, Labics (Maria Claudia Clemente e Francesco Isidori), Ruggero Lenci, Emmanuele Lo Giudice, Lina Malfona, Monica Manicone, Francesco Menegatti-Dina Nencini, Francesco Messina, Metamorph (Gabriele De Giorgi, Alessandra Muntoni, Marcello Pazzaglini), Fernando Miglietta, Luca Molinari, Pierluigi Nicolin-Sonia Calzoni, Simona Ottieri, Antonio Pallotta, Giorgio Papaevangeliu, Renato Partenope, Pia Pascalino, Pino Pasquali, Margherita Petranzan, Luca Porqueddu, Franz Prati, Franco Purini, Giovanni Romagnoli, Antonello Russo, Mauro Saito, Giovanni Santamaria, Gaetano Scarcella, Marcello Sestito, Laura Thermes, Sandro Veronesi, Pietro Zampetti, Laura Zerella.

INFO

L’opera d’arte nell’opera d’arte

A cura di: Franco Purini ed Enrico Ansaloni

Coordinamento generale: Maurizio Coccia e Mara Predicatori.

Date: dal 26 settembre al 1° novembre 2021.

Orario: Dal venerdì alla domenica dalle ore 15:30 alle 18:30

Sede: Centro per l’Arte Contemporanea “Palazzo Lucarini Contemporary”, Trevi (PG)

ItalySegreteria e logistica: Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” (Presidente Giovanni Curti)

Ente patrocinatore: Comune di Trevi (Sindaco Bernardino Sperandio), Ordine degli Architetti PPC della provincia di Perugia, FUA (Fondazione Umbra per l’Architettura)

Con il sostegno di: Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno e Make Consulting

Maila Buglioni

Storico dell’arte e curatore. Dopo la Laurea Specialistica in Storia dell’arte Contemporanea presso Università La Sapienza di Roma frequenta lo stage di Operatrice Didattica presso il Servizio Educativo del MAXXI. Ha collaborato con Barbara Martusciello all’interno dei Book Corner Arti promossi da Art A Part of Cult(ure); a MEMORIE URBANE Street Art Festival a Gaeta e Terracina nel 2013 e con il progetto Galleria Cinica, Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi (PG). Ha fatto parte del collettivo curatoriale ARTNOISE e del relativo web-magazine. Ha collaborato con varie riviste specializzate del settore artistico. È ideatrice e curatrice del progetto espositivo APPIA ANTICA ART PROJECT. È Capo Redattore di Segnonline, coordinando l'attività dei collaboratori per la stesura e l’organizzazione degli articoli, oltre che referente per la selezione delle news, delle inaugurazioni e degli eventi d’arte. Mail maila@segnonline.it; maila@rivistasegno.eu