Luogo

La Giarina Arte Contemporanea
Interrato dell'Acqua Morta, 82, 37129 Verona VR

Maggiori informazioni

Link all'evento

Data

Mag 08 2021 - Set 18 2021
Evento passato

Ora

16:00

Etichette

Mostra

Lezioni Italiane | La Giarina Arte Contemporanea

Sabato 8 maggio 2021 inaugura presso La Giarina Arte Contemporanea Lezioni Italiane, la mostra collettiva a cura di Luigi Meneghelli, con gli artisti Andrea Bianconi, Claudio Costa, Aldo Mondino, Ehsan Shayegh e Silvano Tessarollo.

Perché convocare Italo Calvino a stabilire un senso, a interpretare, a diventare in qualche modo guida alle opere in mostra? Possono bastare le parole che egli ha rilasciato in un’intervista: «Ho voluto scrivere come un tempo disegnavano i pittori»? O quelle redatte in occasione di una mostra di Tullio Pericoli: «… la pittura mi è servita come spinta a rinnovarmi, come ideale di invenzione libera…»? Una cosa è certa: ogni volta che Calvino si è addentrato nel mondo poetico di un pittore, ne è emerso con scritti che risultano illuminanti per comprendere l’opera dell’artista, i modi del suo “fare”. Egli sa che in principio si può conoscere solo la superficie delle cose (e delle immagini), ma è proprio per questo che si spinge a «cercare quel che c’è sotto»: il nascosto, il potenziale, l’ipotetico.

In una delle Lezioni Americane scrive: «La parola collega la traccia visibile alla cosa invisibile, alla cosa assente, alla cosa desiderata o temuta, come un fragile ponte di fortuna gettato sul vuoto». La spinta a scrivere gli viene sempre dalla mancanza di qualcosa che vorrebbe conoscere e possedere, qualcosa che gli sfugge. «Mi sento vicino a capire – annota – che dall’altro lato delle parole c’è sempre qualcosa che cerca d’uscire dal silenzio, di significare attraverso il linguaggio, come battendo colpi su un muro di prigione».
Ma l’altro lato delle parole è il silenzio o sono le parole che devono ancora essere dette? O sono quelle che non saranno mai dette? E a che mondo appartiene l’altro lato delle parole? È un non-mondo o un mondo che giace sotto ciò che è già stato visto e scritto? Non c’è risposta. Ma solo il desiderio di raggiungere il limite delle cose, e al tempo stesso, la consapevolezza che questo limite è inattingibile.
 
La mostra Lezioni Italiane prende spunto chiaramente da quelle «proposte per il prossimo millennio» che sono Lezioni Americane. Lì Calvino esibisce la sua fatale vocazione a vedere ciò che sta oltre, accanto, attorno, dietro alla pagina: una pagina a più dimensioni, a infinite dimensioni, illusionistica, allucinatoria, enigmatica, ma sempre di una assoluta chiarezza. È vero: Lezioni Americane è un’opera interamente dedicata alla forma letteraria, ma attraverso essa, l’autore ci insegna a guardare il mondo della creatività con un’altra ottica, un’altra logica, altri metodi di conoscenza: ci apre altre vie da esplorare, nuovissime e antichissime, stili e forme che possono cambiare i nostri modi di vedere e rappresentare.

Cinque gli artisti in esposizione (come cinque sono i saggi delle Lezioni Americane di Calvino). Ma non si pensi ad incontri e scambi reali. Ci possono essere contatti espliciti o corrispondenze segrete. Quello che conta è che tutte le opere, nel loro gioco di linee, colori e forme, lascino trasparire insospettabili significati. Che le tele di Mondino siano delle autentiche trappole visive, che gli “assemblaggi” di Costa ci mettano in sintonia con la storia dell’umanità, che la stratificazione di alfabeti di Bianconi richiami il mosaico dei linguaggi quotidiani, che i pupazzi in cera di Tessarollo stiano «sui limiti del gioco e del serio», che le pietre di Shayegh siano “punti” che scandiscono le “pagine” della mostra. È come se niente si esaurisse nella pura visibilità, ma ogni immagine attendesse di essere letta, svelata nella sua scrittura nascosta. Quello che essa ci trasmette è il senso dell’approccio all’esperienza, più che il senso dell’esperienza raggiunta. Lo motiva anche un passo della lezione sull’Esattezza: «Ogni forma acquista un senso non fisso, non definitivo, non irrigidito, ma vivente come un organismo». La struttura dell’opera cioè cambia continuamente, si dilata e insieme si disfa sotto gli occhi: si presenta accumulativa, modulare, combinatoria.

Ma è quanto si augura Calvino al termine delle Lezioni Americane: «Magari fosse possibile un’opera concepibile al di fuori del self, un’opera che ci permettesse di uscire dalla prospettiva limitata di un io individuale, non solo per entrare in altri io simili al nostro, ma per far parlare ciò che non ha parola, l’uccello che si posa sulla grondaia, l’albero in primavera e l’albero in autunno, la pietra, il cemento, la plastica…». Ed è quanto si augura anche l’esposizione Lezioni Italiane: ossia mostrare un mosaico del visibile, una continuità di forme, un campionario di stili, «dove tutto può essere continuamente rimescolato e riordinato in tutti i modi possibili».


Lezioni Italiane
Andrea Bianconi, Claudio Costa, Aldo Mondino, Ehsan Shayegh e Silvano Tessarollo
Mostra collettiva | 8 maggio – 18 settembre 2021 La Giarina Arte Contemporanea via Interrato Acqua Morta 82, Verona
Opening 8 maggio 2021 h.16
Ingresso gratuito. L’accesso alla mostra sarà contingentato, nel rispetto delle norme anti Covid-19.
Informazioni: T. 045 803 2316 o scrivere a info@lagiarina.it

www.lagiarina.it