Luogo

Bovisamare
Via Mercantini - Milano

Data

Apr 22 2021 - Mag 01 2021
Evento passato

Etichette

Mostra

Lebenswelt

C’è qualcosa che non va?”, ‘C’è qualcosa che va?’ – l’artista Ewa Kubiak dialoga con se stessa impersonando due figure distinte che appaiono ai lati opposti dello schermo del suo video super 8mm “Tre giorni senza i pensieri cattivi”. Alla mostra “Lebenswelt”, nella spaziosa Bovisamare milanese, saranno visibili anche una ventina di dipinti olio su tela/lino di Oliviero Biagetti e Martyna Czech e oggetti di Zuza Piekoszewska.

Dove ci porta questa esperienza? Concepita per gli oltre 100 metri quadri di Bovisamare, la mostra “Lebenswelt” crea un’opportunità per far incontrare o scontrare i diversi approcci percettivi e mettendo al centro il puro fatto della loro esistenza. Il termine tedesco Lebenswelt indica una categoria filosofica resa popolare da Edmund Husserl che si riferisce a un modo grezzo, cioè privo di aggiunte teoriche, di vedere la realtà. Lebenswelt è il mondo che circonda l’individuo percepito soggettivamente come il mondo reale (dove i sogni, le fantasie e le esperienze spirituali sono ugualmente valide come parte dell’esperienza di vita). Lebenswelt non lascia dubbi sulla sua realtà alla persona che la percepisce.

In quanto tale, Lebenswelt è un concetto capiente che contiene l’universo delle interpretazioni. “Fondamentalmente, qui si tratta solo della connessione del più immediato e allo stesso tempo del più distante, del più comune e del più metafisico: con la connessione della vita e del mondo.”, scrive Gérard Raulet (1). Tuttavia, il termine ha anche una doppia traduzione dal tedesco, che accoglie favorevolmente ulteriori indagini. Lebens significa “vita” e Welt significa “mondo”, quindi il termine è tradotto sia come “mondo della vita” che come “mondo vissuto”. Wilhelm Dilthey ha tentato di descrivere questa sottile differenza. Secondo le sue scoperte, “proprio come la vita trascende la coscienza individuale, così il “mondo della vita” riporta alla mente uno spazio umanizzato dai significati, fatto per essere visto come ragionevole per essere, sperimentare e agire. E proprio come vivere è un’esperienza soggettiva in cui si continua a spostare la fascia del presente, il termine “mondo vissuto” suggerisce la centralizzazione dell’esperienza della
realtà nel soggetto”

Gli strati di entrambi i fenomeni (vita e mondo) non smettono mai di moltiplicarsi. Realtà fisica o virtuale, esperienza digitale o corporale, processo mentale o sensuale? Ancor più di fronte all’instabilità del terreno solido tipica della contemporaneità, affiniamo le nostre capacità di nuotare, volare e sognare. Lebenswelt è abbastanza flessibile da permetterci di sopravvivere senza paura. Proprio come il poeta René Char descrive la sua esperienza con l’arte di scrivere “Inferno nelle nostre teste… Primavera a portata di mano”, così gli artisti contemporanei traducono la loro narrativa personale in esperienze visive esterne con la massima bellezza espressiva.


Lebenswelt
Oliviero Biagetti, Martyna Czech, Ewa Kubiak, Zuza Piekoszewska
Curata da Dobrosława Nowak
Inaugurazione: 22.04.2021 (h 11-21)
Date: 23.04-01.05.2021
Bovisamare, via Mercantini, Milano
Solo su appuntamento