Data

Nov 09 2020
Evento passato

Ora

19:00 - 23:00

Etichette

Talk - Incontro

In Conversation: George Condo e Massimiliano Gioni | 9 novembre 2020

La conversazione tra George Condo e Massimiliano Gioni verterà sulla nuova mostra dell’artista visivo “George Condo. Internal Riot” che, inaugurata da Hauser & Wirth il 5 novembre, andrà avanti fino al 23 gennaio 2021 presso la sede newyorkese della galleria, in 542 West 22nd Street. La mostra presenta nuovi dipinti e lavori su carta dell’artista americano, realizzati durante il periodo della quarantena. Le opere, infatti, riflettono su questa nuova esperienza di distanza e solitudine, mettendo l’accento sugli effetti che l’assenza di rapporti umani sta avendo sulle persone. La pandemia ha costretto anche Condo all’isolamento, ma grazie ad esso è riuscito a portare la propria pratica artistica ad un nuovo livello, ad una nuova profondità, arrivando ad inventare personaggi di finzione che si muovono in una realtà astratta, che rivela all’osservatore l’umanità degli stessi e la loro complessa condizione psicologica.

In questo nuovo corpo di lavoro, i personaggi di Condo sono alle prese con un’incertezza costante e con un’altalena di emozioni che, al momento, sta investendo il mondo intero. I ritratti mettono in scena la grande vastità di emozioni che nell’uomo di oggi si manifestano tutte insieme, mischiandosi e confondendo la psiche. I soggetti non sono connessi l’uno con l’altro, sono totalmente privi di qualsiasi tipo di rapporto e, secondo l’artista, si trovano in una condizione nella quale “fanno i conti con forze diametralmente opposte e con l’elasticità del tempo”.

L’altro partecipante, Massimiliano Gioni, è invece noto per aver curato numerose mostre internazionali, tra cui la cinquantacinquesima edizione della Biennale di Venezia nel 2013, l’ottava Biennale di Gwangju nel 2010), la prima edizione della New Museum Triennial del 2009, la quarta Berlin Biennale nel 2006 e Manifesta 5 nel 2004. Gioni ha poi organizzato diverse mostre al New Museum, tra le quali spiccano le personali di artisti come Sarah Lucas, Chris Ofili, Raymond Pettibon, Pipilotti Rist, Anri Sala, Nari Ward e molti altri ancora.

George Condo vive e lavora a New York. Particolarmente ispirato da un corso sul Barocco e il Rococò, inizia a realizzare opere già in giovanissima età. Si fa strada nel mondo dell’arte arrivando persino a lavorare presso la Factory di Andy Wahrol nel 1980. Nel 1983 tiene la prima mostra a Los Angeles con la Ulrike Kantor Gallery e, nello stesso periodo, comincia a realizzare i primi disegni della serie “fake Old Master”. Viaggia poi tra Colonia e le Canarie, dove vive per diversi mesi e dove realizza la serie di lavori ispirati ai grandi maestri, che esporrà alla sua prima personale di New York nel 1984. Arriva al successo internazionale e all’ideazione del famoso manifesto del “Realismo Artificiale”. I suoi lavori sono oggi parte della collezione permanente del MET, del Moma e di tanti altri tra i principali musei a livello globale.

La conversazione si terrà in diretta Zoom da New York. Il webinar avrà inizio alle 19 (ora italiana) e per partecipare bisognerà registrarsi tramite il link dell’evento. 

Tags: ,