Luca Francesconi

Luogo

Galleria Umberto Di Marino
Via Alabardieri,1 - 80121 Napoli, Italia

Data

Mar 06 2021 - Apr 14 2021
In corso...

Ora

lunedì – sabato ore 15:00 / 19:00 – mattina su appuntamento
11:00 - 21:00

Etichette

Mostra

Luca Francesconi – Hormone Disruptors

La Galleria Umberto Di Marino presenta, sabato 6 marzo, la quarta personale di Luca Francesconi dal titolo Hormone Disruptors.

Questo nuovo progetto si inscrive nel percorso indagato dall’artista fino ad oggi attorno alla tradizione agricola e, più recentemente, sulla produzione alimentare strettamente legata ai concetti della coltivazione.
Attraverso un nuovo ciclo di sculture, Luca Francesconi procede in un’analisi sul tema dell’identità di genere alla luce dell’esposizione ai trattamenti fitosanitari che gli esseri umani hanno sperimentato negli ultimi decenni.

Se da un lato le molecole di sintesi hanno moltiplicato in maniera esponenziale le rese agricole, oggi – per la prima volta nella storia – viviamo non solo una sovra produzione alimentare, ma iniziamo ad interrogarci sugli effetti a lungo termine della chimica in agricoltura.
L’individuazione di Interferenti Organici1, ossia di principi attivi presenti nei trattamenti agricoli che possono alterare il normale sviluppo sessuale degli organismi2 e la produzione di ormoni negli esseri complessi, ha progressivamente causato una modificazione del metabolismo umano ad opera dell’industria agro-farmaceutica.

Questa “interferenza”, su soggetti socialmente predisposti, ha svolto un ruolo incisivo nella ridefinizione della propria identità di genere. Essendo esseri dal ritmo biologico modificato, potremmo estremizzare dicendo che quest’epoca ci vede non più uomini, non più donne e neppure entità ibride, ma transessuali nel senso più tecnico e anti-retorico del termine.

Allo stesso tempo, la sterilità si configura come una problematica significativa del mondo occidentale, e le sole motivazioni sociali non sono più sufficienti a spiegare l’impressionante dislivello di crescita demografica presente sul pianeta. Una disparità che sembra, ancora una volta, assomigliare a una stregoneria.
I reali motivi di questi cambiamenti sono da individuarsi nell’esposizione ad agenti mutageni, che stanno modificando la struttura chimica dei nostri corpi, lavorando sulla stessa biologia umana.

Rifuggendo una semplicistica demonizzazione del progresso scientifico e un utopico ritorno a pratiche del passato, l’analisi di Luca Francesconi mira a un’indagine dal basso, che non pervenga come in laboratorio a una conclusione universale e imperituramente vera, ma metta in discussione la fede nel progresso escatologico, che prenda in considerazione le complessità, le contraddizioni e le aporie generate da una plastica trasposizione dei modelli agricoli e alimentari in un contesto alieno.

1 Con interferenti endocrini, chiamati anche perturbatori, ci si riferisce a una vasta categoria di molecole e/o miscele di sostanze che alterano la normale funzionalità ormonale dell’apparato endocrino, causando effetti avversi sulla salute di un organismo, della sua progenie o di una popolazione o sottopopolazione dello stesso
https://it.wikipedia.org/wiki/Interferenti_endocrini
2 I composti che alterano il sistema endocrino hanno il potenziale di perturbare le vie ormonali sensibili che regolano le funzioni riproduttive. Nel pesce, ciò può comportare una diminuzione della fertilità e della produzione di uova nelle femmine o portare a una riduzione delle dimensioni delle gonadi o alla femminilizzazione del pesce maschio genetico.
In: Lisa D. Arcand-Hoy e William H. Benson, Fish reproduction: An ecologically relevant indicator of endocrine disruption, 2009https://setac.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/etc.5620170108


Luca Francesconi
Hormone Disruptors

Inaugurazione: sabato 6 Marzo 2021 ore 11.00 – 21.00
Durata: fino al 14 aprile 2021
Sede espositiva: Galleria Umberto Di Marino – Via Alabardieri 1, 80121, Napoli Orario: lunedì – sabato ore 15:00 / 19:00 – mattina su appuntamento