Art Verona Digital Edition

Luogo

Casa Serodine
Piazza San Pietro, 6612 - Ascona, Svizzera

Data

Ott 24 2020
Expired!

Ora

16:00

Etichette

Mostra

Handle with care | Andrea Heller, Douglas Mandry, Nicolas Polli e Vera Trachsel

La fragilità che caratterizza ogni sistema, soprattutto quelli più complessi, e la necessità da parte dell’uomo di prendersi cura di ciò che lo circonda e di tutelare equilibri spesso delicati, sono i temi attorno a cui ruota questa mostra che propone i lavori dei quattro artisti svizzeri Andrea Heller, Douglas Mandry, Nicolas Polli e Vera Trachsel.

Come dimostrano anche le vicende più recenti e drammatiche dell’attualità (dai cambiamenti climatici alla diffusione del coronavirus), la fragilità è un dato caratteristico di ogni sistema.

La responsabilità principale alla quale come esseri umani non possiamo sottrarci è quella di riconoscere il fragile equilibrio su cui poggia l’interdipendenza reciproca tra i diversi organismi e il rapporto tra natura e cultura, comportandoci di conseguenza.

Questo significa appunto “maneggiare con cura” sia l’enorme potere tecnologico che abbiamo sviluppato che i delicati equilibri su cui si reggono gli ecosistemi.

Il lavoro degli artisti esposti nell’ambito di questa mostra, quasi tutti appartenenti alla generazione più giovane, traduce bene la consapevolezza e l’attenzione rivolta al senso di fragilità e precarietà, che caratterizza il nostro tempo.

Tra fotografie, installazioni, acquerelli, sculture e video, la mostra comprende una cinquantina di opere recenti, in alcuni casi espressamente realizzate per l’occasione.

La partecipazione alla visita guidata è gratuita per tutti i soci dell’AAMA, mentre ai non soci si chiede un contributo di CHF 5.
Iscrizione obbligatoria entro giovedì 22 ottobre (max 15 partecipanti; vige l’obbligo di indossare la mascherina): museo@ascona.ch; tel. 091 759 81 40.


HANDLE WITH CARE

Andrea Heller, Douglas Mandry, Nicolas Polli e Vera Trachsel

che si terrà sabato 24 ottobre alle ore 16.00
Casa Serodine, Ascona (Piazza San Pietro)
insieme al curatore Elio Schenini.