Luogo

Castello di Copertino
Piazza Castello, 73043 Copertino LE

Maggiori informazioni

Link all'evento

Data

Lug 29 2021 - Ott 30 2021
In corso...

Ora

19:00

Etichette

Mostra

Franco Dellerba. La fuga | Castello di Copertino

In occasione dell’iniziativa che prevede l’apertura straordinaria serale dei luoghi della cultura della Direzione e nel rispetto della normativa anti-Covid, giovedì 29 luglio alle ore 19.00, nel Castello di Copertino sarà inaugurata la mostra “Franco Dellerba. La fuga”, visitabile fino al 30 ottobre. Interverranno: Luca Mercuri (Direttore regionale Musei Puglia), Pietro Copani (direttore del Castello di Copertino e co-curatore della mostra), Lorenzo Madaro (docente di Storia dell’arte, Accademia di Belle Arti di Catania e co-curatore della mostra) e lo stesso artista Franco Dellerba.

La mostra rientra nel ciclo della rassegna #incontemporaneo e – in continuità con quelle dedicate a Baldo Diodato e Pietro Guida – rintraccia un doppio impegno: da un lato quello del percorso di storicizzazione dedicato a maestri meridionali del secondo Novecento; dall’altro il desiderio di investigare la scultura nelle diverse sue declinazioni.
In collaborazione con il Polo biblio-museale di Lecce, nel mese di settembre presso il Convitto Palmieri di Lecce si terrà un talk con l’artista Franco Dellerba.

Informiamo i visitatori che, in occasione dell’inaugurazione a ingresso gratuito, il Castello di Copertino effettuerà apertura straordinaria serale dalle ore 19.00 fino alle 21.30, con ingressi garantiti nel rispetto del numero massimo previsto dal protocollo anti-Covid dell’Istituto.

Franco Dellerba è nato a Rutigliano (Bari) nel 1949; vive e lavora a Capurso (Bari). Sin dai primi anni Settanta Dellerba ha compreso la portata concettuale – ma anche le loro declinazioni di senso, da rintracciare in un ambito antropologico e immaginifico – delle luminarie del suo sud, un sud investigato con rigore in linea con quell’aspetto ludico e giocoso che apparteneva all’immaginario di Pino Pascali. Queste magiche luci, che appartengono all’immaginario collettivo, hanno stimolato una riflessione plurima sulle radici antropologiche di un territorio sorprendente, sempre in bilico tra sacro e profano, tra religiosità ataviche ed esplosioni di feste e colori di una tradizione ancora viva.
Agli stereotipi di una Puglia ancestrale, di Murge e uliveti che molti artisti ancora perlustravano con una pittura logora, sul finire dei Settanta Dellerba contrappone una memoria da salvare, una ritualità antica, corale e plurale, che deriva dalle grandi feste barocche, dagli apparati effimeri e quindi dalle architetture di luce che hanno, da sempre, costellato i centri storici: recupera così questo repertorio di segni e forme. Rimodulando oggetti d’uso quotidiano o concependo vere e proprie architetture di luce, ha solcato gli anni Settanta e il decennio successivo con un approccio estremamente dinamico.

La mostra, a cura di Pietro Copani e Lorenzo Madaro, propone una selezione ragionata delle opere storiche e un nucleo di diversi cicli che hanno interessato il suo lavoro negli anni Novanta e nei tempi più recenti. L’allestimento, condiviso dall’artista, consente al pubblico di esplorare l’architettura del maniero stupendosi di volta in volta davanti alle utopie che Franco Dellerba concepisce ogni giorno con rigore, fantasia e senso profondo della visione. L’arte è infatti per Dellerba il territorio magico in cui sondare una dimensione altra e in cui sostare per prendersi una pausa dalla realtà che ci circonda.
Cavalli a dondolo, una bicicletta, oggetti e una grande poltrona: le luci illuminano questi elementi simbolici della vita quotidiana, li avvolgono in un afflato magico, restituendoli al nostro sguardo.


Franco Dellerba. La fuga
Mostra | 30 luglio – 30 ottobre 2021 Castello di Copertino Piazza Castello, 73043 Copertino LE
Inaugurazione 29 luglio h 19,00
Orari di visita della mostra: da martedì a sabato, 8.30-13.30
Modalità di prenotazione: per partecipare all’inaugurazione è fortemente consigliato prenotarsi: telefonando al 0832-931612 (ore 8.30-13.30), inviando una email a drm-pug.castellodicopertino@beniculturali.it, o tramite la pagina facebook del Castello di Copertino.
Informazioni evento su castello.dicopertino