Costas Varotsos, Horizon, Egitto, 2023

Luogo

Museo Sigismondo Castromediano
Viale Gallipoli, 28 - Lecce

Data

Giu 29 2024 - Gen 12 2025

Ora

21:00

Etichette

Mostra

Costas Varotsos | Elpís. Prometeo o del sogno infranto di Europa

Grazie al finanziamento del Ministero della Cultura, nell’ambito del Piano per l’Arte Contemporanea (PAC), prende avvio Elpís. Prometeo o del sogno infranto di Europa, di Costas Varotsos, unico progetto approvato in Puglia, nella stagione 2022-2023 attraverso il bando del Ministero della cultura. 

Un itinerario dedicato alla figura mitologica di Prometeo, che ha rubato il fuoco sacro a Zeus. Un percorso espositivo che si snoda tra Lecce e Otranto, ideato e coordinato dal Museo Sigismondo Castromediano, con il sostegno della Regione Puglia. Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione Territoriale, Teatro Pubblico Pugliese e il patrocinio del Comune di Lecce e della Provincia di Lecce dell’Università del Salento, del Dipartimento Beni Culturali dell’Università di Bari, dell’Accademia Belle Arti di Lecce.

Elpís. Prometeo o del sogno infranto di Europa è il titolo della mostra che mette in scena la disillusione dell’artista nei confronti di un’umanità reietta che non ha saputo valorizzare il dono del fuoco, inteso come simbolo del sapere e della τέχνη, la tecnica. Elpís, è la personificazione dello spirito della speranza che, Esiodo ne Le opere e i giorni, ci racconta essere l’ultimo dono rimasto custodito nel vaso di Pandora; nonostante gli uomini siano corrotti e inclini alla bramosia, e abbiano sprecato perciò il dono di Prometeo, Elpís resta la scintilla che l’artista coltiva nel futuro dell’umanità. In tal senso è anche la metafora dell’arte stessa, l’unico barlume nel buio che attanaglia l’esistenza dell’uomo contemporaneo. 

Per l’artista Costas Varotsos: “In un’epoca in cui la verità è sempre un’altra e la destabilizzazione dei valori crea confusione e paura, tutti guardano in alto aspettando una soluzione dal nulla. Prometeo cerca di riportare gli uomini alla verità e ai valori basilari dell’esistenza umana. Ma il nostro mondo ha perduto il contatto con il mondo reale, vive ormai al passato o al futuro e ha smarrito il senso del tempo presente. Ogni epoca della storia umana ha avuto il suo Prometeo sotto forma di aspettativa, di speranza, di urgenza. L’uomo contemporaneo ha perso il senso dell’attesa e la speranza ed è incapace persino di vedere il fuoco che Prometeo ha rubato a Giove per salvare l’umanità. Oggi è urgente recuperare il significato di quel fuoco e dare una forma visibile a Elpís”. 

Varotsos torna in Puglia oltre dieci anni dopo l’intervento, a Otranto, sul relitto della motovedetta albanese Katër i Radës, ovvero L’Approdo. Opera all’Umanità Migrante, una delle sue opere più significative e attuali, dedicata appunto al tema delle migrazioni. 

Non meno attuale il tema del nuovo intervento, che si ispira al legame tra il patrimonio storico e archeologico del territorio e l’arte contemporanea. La mostra include un nucleo di opere provenienti dalla collezione dell’artista e concepite a partire dagli anni ottanta, e si compone altresì di due nuove installazioni pensate appositamente per gli spazi del Museo Castromediano, l’istituto culturale più antico della Puglia, che da alcuni anni porta avanti una programmazione espositiva strettamente legata al rapporto tra l’antico e il contemporaneo. 

Il ritorno dell’artista greco nelle terre salentine è reso possibile grazie alla stretta e più che decennale collaborazione tra Varotsos e i curatori del progetto: Giusi Giaracuni, storica dell’arte e assistente dell’artista, Luigi De Luca direttore del Polo biblio-museale di Lecce, che si occuperanno anche della realizzazione del catalogo e del coordinamento delle produzioni delle opere site-specific.

Il comitato scientifico è composto, inoltre, da Flavia Frisone, docente di Storia greca all’Università del Salento, Lorenzo Madaro, docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, Brizia Minerva, storica dell’arte responsabile della sezione storico artistica del Museo Castromediano di Lecce, e Annalucia Tempesta, responsabile della sezione archeologica del Museo Castromediano. 

Negli ambienti del Museo saranno presenti opere quali: Prometeo, il dio/eroe realizzato con la grazia potente del vetro, un materiale imponente e allo stesso tempo fragile, spezzato in molteplici frammenti taglienti e sovrapposti;Elpís rappresentato dal fuoco, l’elemento rubato agli dèi che prende forma sulla terra grazie a una lunghissima lancia rossa, simbologia che Varotsos ha usato per la prima volta nella scenografia realizzata per Prometeo, diretto da Stavros Tsakiris, nel grande teatro antico di Epidauro, nel 2019. Negli spazi circostanti, opere come Globe,EuropeLabyrinthBlack VenusBlows, Dialogue, entrano in relazione con i paesaggi del Castromediano attualizzandone i contenuti storici e mitologici, con riferimento alla dimensione umana e ai concetti di vita, morte e sacralità.

Il progetto è candidato al programma Art Bonus e si avvale del sostegno dei partner privati: NSG Group – Pilkington Italia, multinazionale del vetro, che fornirà la materia prima per la realizzazione dell’opera Prometeo; Vetreria Calasso che si occuperà del taglio del vetro; Ceko Metalli per la produzione delle due opere site specific; Level Project che sosterrà il progetto tramite l’Art Bonus e collaborando all’allestimento; Banca Popolare Pugliese; La Fiermontina – Fiermonte Museum.


Costas Varotsos
Elpís. Prometeo o del sogno infranto di Europa
A cura di Giusi Giaracuni e Luigi De Luca
Inaugurazione: 29 giugno 2024, ore 21
Dal 30 giugno 2024 al 12 gennaio 2025
Museo Sigismondo Castromediano | Viale Gallipoli, 28 – Lecce