Luogo

galleria Richter Fine Art
vicolo del Curato, 3 – Roma

Data

Mag 24 2022
Evento passato

Etichette

Mostra

Brian Scott Campbell | When the trees touch the clouds

La Galleria Richter è lieta di presentare martedì 24 Maggio When the trees touch the clouds, la prima mostra personale di Brian Scott Campbell in Italia.

“I lavori di Brian Scott Campbell – afferma l’autore del testo critico Giuseppe Armogida – sono blocchi di movimento, simili a concrezioni, a formazioni calcaree, in cui si è coagulata una pluralità di stati di sensazione. Sono contemplazioni pure, che assicurano immediatamente l’identità fra mentale e fisico, reale e immaginario, mondo e io. In essi tutto sembra ordinario e regolare. È come se Scott Campbell, tramite un linguaggio segreto che possiamo sentire e vedere ma non pronunciare, volesse riannodare ciò che l’uomo ha spezzato, riparare ciò che l’uomo vede infranto”.

Il pittore americano, classe 1983, rappresenta paesaggi combinando insieme iconografie quotidiane, archetipi e allucinazioni. Gli spazi che gli interessano sono allo stesso tempo portali verso luoghi fisici e tuttavia completamente artificiali. In quanto tale, l’immaginario del suo lavoro riflette l’idea della memoria stessa, come una raccolta di esperienze reali e immaginarie.

I dipinti, principalmente in scala di grigi con frequenti tratti di colore tenue, suggeriscono scene e paesaggi con linee rudimentali e geometrie semplici.

Raffigurano paesaggi astratti popolati da alberi, montagne, terreni agricoli ondulati e specchi d’acqua.

Campbell usa gli elementi base della geometria semplice: soli rotondi, alberi rettilinei o montagne triangolari e barche a vela come elementi costitutivi facilmente comprensibili. Eppure, ogni arrangiamento accurato nuota in un insieme ingannevolmente complesso di allusioni ai pittori americani dell’inizio del XX secolo come Arthur Dove, Marsden Hartley, Charles Burchfield e Georgia O’Keefe, Philip Guston e John Wesley.

I lavori dell’artista potrebbero essere onirici e surreali, in parte un mix storico artistico. Utilizza le icone della natura e le storie della pittura del paesaggio, combinando l’architettura e la figurazione, dove un albero potrebbe essere una colonna, una barca a vela, un naso.

Visti insieme i dipinti si dispiegano come scenografie riprese da una vista elevata di un mondo segreto. Queste immagini suggeriscono una narrazione in evoluzione ma frammentaria, una storia senza un’ora distinta del giorno o della notte, un dominio immaginario manifestato dall’atto e dalla materialità della pittura. Le immagini si dispiegano come capitoli tratti da un diario di viaggio, eppure restano emblematiche, folcloristiche e rivelatrici.

Brian Scott Campbell (nato nel 1983, Columbus, OH) ha ricevuto un BFA dal Columbus College of Art and Design, OH e un MFA dalla Mason Gross School of the Arts, Rutgers University, NJ.

Campbell ha esposto a Stene Projects, Stoccolma; Dutton, New York; Fredericks & Freiser, New York; Asya Geisberg Gallery, New York; Galleria Jeff Bailey, New York; Zevitas Marcus, Los Angeles; Galleria David Shelton, Houston; Ruttkowski;68, Monaco di Baviera; NADA New York e Untitled Miami Beach Art Fairs.

I premi e le residenze includono l’Atlantic Center for the Arts Residency con l’artista Dana Schutz; L’Istituto macedone; una borsa di studio completa del McColl Center for Visual Art; una borsa di studio del Vermont Studio Center, il programma Artist in the Marketplace, Bronx Museum, New York. Il lavoro di Campbell è stato presentato in Modern Painters / Blouin ArtInfo; L’Huffington Post; Hyperallergic;Glasstire; i-D Magazine / Vice; Art Viewer e altri.

Campbell vive e lavora a Denton, in Texas, ed è professore assistente di disegno e pittura presso il College of Visual Arts and Design presso la University of North Texas.


BRIAN SCOTT CAMPBELL – When the trees touch the clouds

Opening May 24

Galleria Richter