Luogo

Volvo Studio Milano
Viale della Liberazione, Milano

Data

Ott 21 2020
Expired!

Ora

19:00

Etichette

Talk - Incontro

Angela Vettese presenta Andreco – Climate 05: Reclaiming Air and Water

Il penultimo incontro degli Art Encounters, il 21 ottobre al Volvo Studio Milano, vedrà ospite l’artista Andreco in conversazione con Angela Vettese.

Andreco, di formazione ingegnere, è un artista multidisciplinare. I suoi progetti si collocano trasversalmente tra scienza, filosofia e ambiente, includendo spesso pratiche partecipative.  In dialogo con Angela Vettese, verranno presentati attraverso immagini e video alcuni suoi lavori tra cui Climate 04 Sea Level Rise (Venezia, 2017) e The Plants are Revolutionaries (Arte Fiera, Bologna, 2018). 

Climate 04 Sea Level Rise (Venezia, 2017) è la quarta tappa del Climate Project, una serie di interventi site-specific condotti in diverse città europee, che prendono ispirazione dalle ultime ricerche sui cambiamenti climatici. L’obiettivo di Andreco è di evidenziare le debolezze del territorio dove hanno luogo le sue azioni.

Il secondo progetto, The Plants are Revolutionaries, è la mostra curata da Angela Vettese e ospitata presso Palazzo Poggi a Bologna durante Artefiera 2018. Il progetto espositivo ruotava attorno agli studi di Andreco sul ruolo strategico delle piante nelle trasformazioni dell’ecosistema e nella protezione dagli agenti inquinanti. 

Durante la presentazione verrà proiettato il video di Climate 05 – Reclaim Air and Water, Delhi (India, 2019; 8’37’’). Il progetto, all’incrocio tra arte e scienza, è incentrato sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento, in particolare dell’acqua a Delhi. L’opera si basa sugli ultimi studi sulla qualità dell’aria e sulle condizioni del fiume Yamuna e mira a sottolineare le migliori pratiche per la bonifica dell’aria e dell’acqua e per la mitigazione dei cambiamenti climatici. Climate 05, che ha partecipato al festival di arte urbana St + art Delhi 2019, ed è prodotto da St + art India in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura – Delhi, e supportato da Asian Paints, tra le altre organizzazioni.

Al termine della presentazione verrà offerto un cocktail al pubblico partecipante.

Andreco (Roma, 1978) 
lavora tra arte, scienza e temi sociali e ambientali. Artista visuale, ha conseguito anche un dottorato come ingegnere ambientale specializzato in management delle risorse sostenibili in condizioni climatiche diverse. Ha ottenuto un post-dottorato con ricerche su tecnologie verdi e soluzioni naturali per la sostenibilità urbana, in collaborazione con l’Università di Bologna e la Columbia University di New York. 
La sua ricerca artistica si focalizza sulla relazione tra uomini e natura, e tra paesaggio artificiale e naturale. Dal 2000, l’artista conduce la sua ricerca interdisciplinare tra scienza, sostenibilità ambientale, attivismo, urbanistica, antropologia, ecologia, filosofia e simbolismo; partendo da questa, l’artista crea il suo linguaggio concettuale e visuale. 
Il Climate Art Project è uno dei suoi progetti principali sulle azioni climatiche. Nella sua pratica artistica, Andreco utilizza tecniche diverse, da installazione pubbliche al video, la performance, la pittura murale e il disegno. Andreco ha lavorato con festival, musei e istituzioni nazionali ed internazionali tra cui La Biennale di Architettura di Venezia (2018), La Triennale di Milano (2018), la Saatchi Gallery di Londra (2017), il Centro per L’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato (2017), il MACRO di Roma (2013). Ha vinto il Premio Speciale “Talent Prize 2017” al Museo Macro di Roma e, nel 2016, Jazzi, il concorso di idee per la rigenerazione rurale.

Angela Vettese (1959) 
è direttore del corso di laurea magistrale di arti visive e moda presso l’Università IUAV di Venezia, dove insegna Teoria e critica dell’arte contemporanea. Ha insegnato nelle accademie di Belle Arti di Milano, Venezia e Bergamo nonché all’Università Bocconi di Milano (2000-2007 e 2010-2013). È stata presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa (2002-2013), direttrice della Galleria Civica di Modena (2005-2008), direttrice della Fondazione Arnaldo Pomodoro a Milano (2008-2010), co-fondatrice delle iniziative di arte contemporanea per la Fondazione Antonio Ratti di Como (1995-2004), co-fondatrice del Festival dell’Arte Contemporanea a Faenza (2007-2011). Ha ricoperto la carica di assessore alle attività culturali e allo sviluppo del turismo per il Comune di Venezia (2013/14). Ha diretto le edizioni 2017 e 2018 di Arte Fiera, Bologna. E’ consulente del Mibact per il progetto Italian Council dal 2018. Ha pubblicato vari volumi tra cui Capire l’arte contemporanea (Allemandi 1996, quinta revisione 2010), Venezia Vive (2017), L’arte contemporanea tra mercato e nuovi linguaggi (2017), Desiderio (2019), per Il Mulino, Bologna; ha curato il Padiglione Venezia e il Padiglione Norvegia per la Biennale di Venezia, di cui è stata presidente della Giuria nel 2009, e ha organizzato un vasto numero di esposizioni in Italia con artisti quali Alighiero Boetti, Getulio Alviani, Mona Hatoum, Yayoi Kusama, Allan Kaprow, Rebecca Horn, Yoko Ono, Jona Friedman, Richard Hamilton; ha redatto saggi in catalogo per il Philadelphia Museum of Art, MIT Press, Phaidon, Sternberg, Cantz. Ha scritto per riviste quali Flash Art, Domus, Parkett, Textes zur Kunst. Collabora con “La domenica” de Il Sole 24 ore dal 1986. Ha fondato e dirige la rivista accademica OBOE- on Biennials and Other Exhibitions (2020) patrocinato dall’Università IUAV e l’Università di Aberdeen. 

Volvo Cars da sempre pone al centro della propria azione il concetto di sostenibilità, perfettamente espresso dalla parola svedese omtanke, traducibile come “considerazione”, “premura” ma anche “pensare di nuovo”, “ripensare”. Ciò si concretizza non solo nel processo di produzione delle proprie auto ma anche in termini di partecipazione attiva nella società. In tale contesto si inquadra l’attività del Volvo Studio Milano: raffinato ambiente di ispirazione scandinava, è il luogo nel quale il pubblico incontra Volvo e i suoi valori attraverso un programma di eventi culturali articolato su quattro temi di fondo: Arts, Design, Music e Taste. Volvo racconta così sé stessa e il proprio viaggio verso il futuro proiettando gli scenari della mobilità sostenibile di domani. 

Art Encounters è un format di Volvo che prevede una serie d’incontri dedicati al mondo dell’arte contemporanea. Questa prima serie, inaugurata a novembre 2019, si focalizza sul tema della sostenibilità. Sotto la curatela di Lightbox, la prima edizione è articolata in sette mercoledì che coinvolgeranno professionisti del mondo dell’arte ed il pubblico in performance, interventi sonori, esposizioni e talk.
Il ciclo d’incontri si concluderà il 18 novembre con 4EST, uno spettacolo di musica originale scritto da Alessandro Baldessari ed eseguito dai musicisti del Collettivo_21, dedicato alla tempesta di Vaia che si è abbattuta sulle foreste del Cadore nel 2018.


Art Encounters at Volvo Studio MilanoSix Steps Forward for One Step Back

Angela Vettese presenta Andreco
Climate 05: Reclaiming Air and Water

talk e video

Mercoledì 21 ottobre 2020, ore 19.00

Volvo Studio Milano
Viale della Liberazione angolo Via Melchiorre Gioia, Milano

Evento promosso da: Volvo Car Italia

Dato il numero di posti limitato si invitano i giornalisti e il pubblico a fare RSVP e a presentarsi puntuali all’evento. L’accesso è garantito solo fino ad esaurimento dei posti disponibili.

RSVP su vip@lightboxgroup.net